OFFICIAL_SITE_TITLE: A.T.O. n. 6 Ombrone

Monday, 14 October 2019

A.T.O. n. 6 Ombrone

There are no translations available.

Scarica la pagina in versione pdf: icona per il tipo file pdf A.T.O. n. 6 Ombrone (67.69 kB) (Autorità di Ambito Territoriale Ottimale) 5,14%

www.ato6acqua.toscana.it
ato6ac@ato6acqua.toscana.it
Partita IVA: 01269930531
Partecipazione: 52,1167 quote in millesimi
Presidente: Moreno Periccioli
Direttore Generale: Paolo Augusto Quaranta

L'Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n. 6 "Ombrone" è un consorzio obbligatorio tra i Comuni delle Province di Grosseto e Siena, costituito ai sensi della Legge n. 34 del 5/01/94 e della L.R.T. n. 81 del 21/7/95 quale forma di cooperazione fra enti locali stessi per la organizzazione, programmazione e controllo del servizio idrico integrato (S.I.I.) nell'ambito territoriale ottimale "Ombrone".

Consiglio di Amministrazione:
Presidente: Moreno Periccioli
Vice Presidente: Maria Platter
Consiglieri: Stefano Battisti, Luisa Battistini, Sergio Bellacci, Gabriele Bellettini, Fidenzio Belmonti, Massimo Cambri, Alvaro Forzoni, Lido Masini, Roberto Renai

Compensi:
Presidente: € 3.256,26 lordi mensili
Vice Presidente e Consiglieri: € 1.302,50 lordi mensili (per gli amministratori in aspettativa); € 615,98 lordi mensili per i lavoratori dipendenti
gettone di presenza: € 59,40 lordi
N.B. - Il Consorzio comunica di avere sospeso a partire dal giugno 2010, in via cautelativa, l'erogazione delle indennità ai sensi dell'art. 5 co. 7 del D.L. 78/2010.

Si rileva:
Per quanto attiene, agli adempimenti relativi al comma 735 Legge Finanziaria 2007 l'Autorità di ambito territoriale, essendo un consorzio di funzioni tra enti locali, non è una società, non dispone di alcun capitale sociale e pertanto non è applicabile la norma relativa.

Si rileva inoltre ai fini dell'adempimento di pubblicazione dell'art. 1 comma 587 che Il Comune di Colle di Val d'Elsa, all'interno della suddetto Consorzio, possiede come rappresentante il Signor Sindaco Paolo Brogioni, componente dell'Assemblea dei Sindaci.

La compagine societaria è la seguente:

Picture0001
Picture0002
Analisi della gestione 2009-2010

Nell'anno 2009 l'Autorità ha continuato a svolgere i propri compiti istituzionali e ordinari, ed in particolare si sottolineano le seguenti attività:
  • elaborazione, in collaborazione con il Gestore – Acquedotto del Fiora S.p.A. del POT 2008/10, con il quale sono stati fissati gli obiettivi tecnici che il Gestore dovrà raggiungere nel triennio
  • realizzazione del dissalatore dell'isola di Giannutri, grazie ad un finanziamento della Regione Toscana; inoltre è partita la progettazione del primo stralcio del collegamento del sistema Montedoglio, ai sensi del Protocollo d'Intesa firmato con l'ATO 4, e conseguentemente è stato sbloccato un primo finanziamento da parte della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.
  • sollecitazione di un nuovo impegno da parte della Regione Toscana sul progetto di riorganizzazione delle AATO, dato che il Consiglio Regionale non ha mai esaminato un precedente disegno di legge approvato dalla Giunta Regionale e che, soprattutto, la finanziaria 2010 prevede l'abolizione dei consorzi di funzione tra Comuni.
La principale voce di entrata del bilancio rimane il canone di concessione versato dal Gestore e destinato alle spese di funzionamento, pari a € 950.000. Con riferimento alle spese, l'acquisto della nuova sede ha comportato l'aumento delle spese in conto capitale e dei relativi interessi passivi.

Il totale delle entrate finali (Tit. I-II-III-IV) ammonta a € 997.776,13; la gestione finanziaria si è conclusa con un avanzo di amministrazione pari a € 50.200,85, dovuto a varie economie e destinato all'acquisto di una autovettura e al finanziamento del secondo stralcio dello studio della Montagnola senese.

Nel corso dell'anno 2010 sono stati ultimati i lavori per la realizzazione del Dissalatore di Giannutri su progetto realizzato dall'AATO 6 grazie al finanziamento della Regione Toscana. L'impianto, che sarà collaudato nel corso del mese di Aprile, ha già prodotto nel 2010 circa 7.000 mc. andando a sostituire l'approvvigionamento da navi cisterna. Il Bilancio si fondava principalmente sul versamento da parte del gestore di quota parte del canone di concessione destinato alle spese di funzionamento di questo ente oltre ad altre entrate per servizi svolti dall'Ente, interessi attivi, sponsorizzazioni e trasferimenti per un totale di € 995.203,96
La gestione finanziaria si è conclusa con un avanzo di amministrazione € 164.594 dovuto principalmente alla sospensione delle indennità ai consiglieri di Amministrazione in ossequio a quanto stabilito dal D.L 78/2010.

Riorganizzazione delle AATO

E' noto che, la legge Finanziaria per il 2010 ( Legge n.191/2009) ha previsto all' art. 2 comma 186 bis la soppressione delle Autorità di Ambito (di acqua e rifiuti) con decorrenza 31.12.2010, assegnando alle Regioni lo stesso termine per attribuire con legge le funzioni già esercitate dalle Autorità, nel rispetto dei princìpi di sussidiarietà, differenziazione e adeguatezza. Ciò rendeva imprescindibile un intervento legislativo regionale nei tempi previsti (31.12.2010) al fine di evitare un vuoto normativo che avrebbe avuto conseguenze estremamente gravi, se nel frattempo non fosse avvenuta una modifica della norma che differiva nel tempo tale termine. La Regione Toscana a tal fine aveva inserito nella bozza di Legge Finanziaria per il 2011 la previsione di realizzare un solo Ambito Territoriale Regionale rimandando ad una futura legge sul Servizio Idrico Integrato le modalità di attuazione di tale previsione. Nel frattempo si prevedeva di nominare 1 solo Commissario straordinario per le 6 attuali Autorità di Ambito, affiancato da 6 "Commissari liquidatori" fino al Maggio 2011 e da Assemblee consultive costituite dalle attuali Assemblee dei Sindaci.
Alla fine dell'anno 2010 è intervenuto il Decreto cosiddetto "milleproroghe" che ha prorogato la scadenza delle AATO al 31/03/11 e successivamente un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, ha dato una ulteriore proroga al 31/12/11.
La Regione Toscana nella Legge Finanziaria ha inserito la previsione di presentare al Consiglio Regionale entro Giugno una proposta di legge sulla riorganizzazione delle AATO. A tal fine ha deciso di formare un gruppo di lavoro ristretto per giungere in tempi rapidi ad una proposta condivisa di riorganizzazione, fa parte di questo gruppo il Presidente dell'AATO 6 che ha già partecipato ad alcune riunioni preliminari.

In Evidenza