Comune di Colle di Val d'Elsa: Incendio zona Gracciano-San Marziale- Revoca misure di prevenzione e protezione

Sabato, 20 Ottobre 2018

Incendio zona Gracciano-San Marziale- Revoca misure di prevenzione e protezione

Ordinanza n.143 del 07/08/2018
 

PREMESSO:
-  che il 03.07.2018 si sviluppava un incendio nell’area di stoccaggio dei rifiuti preso la ditta Rugi S.R.L. sedente in loc. San Marziale di questo Comune;
-  che l’incendio interessava prevalentemente rifiuti di ingombranti di natura plastica, legno, carta, tessuti e ridotte quantità di pneumatici con esclusione di rifiuti classificati come pericolosi, con produzione di IPA idrocarburi policiclici aromatici e diossine e rischio di dispersione nell’ambiente tramite la ricaduta delle ceneri;
-  che presso il Municipio veniva convocato un tavolo tecnico con i Responsabili del Dipartimento ARPAT di Siena, del Dipartimento di prevenzione dell’Azienda USL Toscana Sud Est, del Dipartimento Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare dell’Azienda USL Toscana Sud Est, nonché del Responsabile della Protezione Civile e dell’Area Gestione del Territorio di questo Comune;
-  che nell’ambito del tavolo tecnico veniva valutata la possibile ricaduta delle ceneri in base all’orientamento e alla velocità del vento nonché le procedure di monitoraggio da intraprendere per le specifiche competenze e le misure di prevenzione da adottare in via prudenziale al fine di evitare possibili effetti nocivi sulla salute pubblica;
-   che l’area interessata dalle misure di prevenzione e protezione veniva individuata prima nella mappa allegata all’ordinanza 124 del 04.07.2018 e poi, a seguito della nota l’ARPAT – Area Vasta Sud – Dipartimento di Siena protocollo 48562 del 05.07.2018, nella mappa allegata all’ordinanza 128 del 06.07.2018;
-  che, a scopo cautelare, in attesa dei risultati dei campionamenti di terreno, con l’ordinanza contingibile ed urgente n. 124 del 04.07.2018, successivamente integrata con ordinanza 128 del 06.07.2018, venivano individuate le misure di prevenzione e protezione da osservare nell’ambito della “zona di impatto”:

  1. FRUTTA E ORTAGGI: Non consumare ortaggi o frutta coltivata o esposta all’aperto. In alternativa lavare i prodotti in modo accurato;
  2. VASCHE E CONTENITORI DI ACQUA: Non utilizzare a fini irrigui acqua contenuta in vasche, depositi, contenitori o vasi posti all’aperto e comunque svuotare i medesimi;
  3. PASCOLI: inibire al pascolo per una settimana le aree poste all’interno del perimetro;
  4. ALLEVAMENTI: alimentare gli animali di allevamento solo attraverso mangimi o prodotti stoccati e protetti in luoghi chiusi.
  5. APICOLTURA: spostare le arnie ad una distanza di 3km rispetto al perimetro dell’area fino a nuove comunicazioni;

CONSIDERATO che l’ARPAT – Area Vasta Sud – Dipartimento di Siena con protocollo 55816 del 03.08.2018 “Evento incendiario del 3/7/2018 presso l’azienda Rugi Srl in loc. San Marziale Colle di Val d’Elsa (SI)- Comunicazioni in merito agli esiti analitici sui campioni di terreno” ha comunicato che dall’analisi dei rapporti di prova effettuati risulta che tutti i valori relativi ai parametri indagati PCDD, PCDF, IPA si collocano al di sotto, anche di diversi ordini di grandezza, di quelli previsti dai limiti normativi per i siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale, di cui alla tabella A dell’Allegato 5 alla parte Quarta del D.Lgs 152/2006 non rilevando in particolare alcuna differenza significativa tra i valori trovati nei campioni prelevati nella zona di ricaduta e il campione di bianco prelevato all’esterno di tale area.;

PRESO E DATO ATTO quindi della nota ARPAT, allegata quale parte integrante, in cui si conclude “che l’evento in oggetto, per quanto indagato, non abbia comportato effetti sui terreni che erano stati individuati come i più probabilmente esposti alle ricadute dei fumi”;

PRESO ATTO altresì della nota della Azienda Usl toscana sud est – dipartimento di prevenzione- in data 06.08.2018 con la quale si afferma che “non vi siano rischi per la salute della popolazione a seguito dell’incendio dell’azienda Rugi”; 

RITENUTO necessario pertanto, alla luce delle richiamate valutazioni, revocare le misure di prevenzione e protezione proposte dal tavolo tecnico ed adottate in via cautelare con le Ordinanze 24/2018 e 28/2018;

RICONOSCIUTA la competenza ai sensi degli artt. 50, comma 5 del D.Lgs. n. 267/2000, come modificato dall'art. 6 del D.L. n. 92 del 23/05/2008, convertito nella L. n. 125/2008;

CONSIDERATO che, per quanto occorrer possa, ai sensi dell’art. 54 comma 4° del D.Lgs. n. 267/2000 e successive modificazioni ed integrazioni, del presente provvedimento è stata data preventiva comunicazione al Prefetto; 

ORDINA

  • Di revocare le ordinanze nn 124 del 05.07.2018 e 128 del 06.07.2018 e pertanto di revocare le misure di prevenzione e protezione adottate nell’ambito delle“ zone di impatto ” .

 AVVISA

Che quanto disposto nel presente provvedimento potrà essere revocato o riformato in presenza di elementi ed indicazioni nuovi e diversi da parte degli enti preposti.

 INFORMA

  • Al Prefetto, Ufficio Territoriale del Governo di Siena;
  • Alla Questura di Siena;
  • Al Responsabile dell’Area 1 “Polizia Municipale, Protezione Civile, Trasporto Pubblico Locale e Manutenzioni” del Comune di Colle di Val d’Elsa;
  • Al Responsabile del Comando Stazione Carabinieri di Colle di Val d’Elsa.

 AVVISA CHE:

  • contro la presente Ordinanza è ammesso ricorso al T.A.R. della Toscana entro 60 gg. dalla data di notifica ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 gg. ;
  • quanto    sopra    è    disposto   senza    pregiudizio    di   eventuali    ed    ulteriori    provvedimenti amministrativi.

 DISPONE

che la presente Ordinanza sia pubblicata all’albo pretorio e diffusa attraverso strumenti di comunicazione che ne rendano effettiva la conoscibilità alla popolazione. 

 

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

I dati di cui al presente procedimento amministrativo, ivi compreso il presente provvedimento , sono trattati nel rispetto delle norme sulla tutela della privacy, di cui al D.lgs. 30 giugno 2003 n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali (pubblicato nella  Gazz.  Uff.  29  luglio  2003,  n.  174,  S.O).  I dati vengono archiviati e trattati sia in formato cartaceo sia su supporto informatico nel rispetto delle misure minime di sicurezza. L'interessato può esercitare i diritti di cui  al  citato  Codice  presentando  richiesta direttamente presso l’ufficio della Polizia municipale.

  

Colle di Val d'Elsa, 07/08/2018   
                                                 
IL SINDACO

CANOCCHI PAOLO

 (Sottoscritto digitalmente ai sensi

dell'art. 20, comma 1-bis, D.L.gs n 82/2005 e s.m.i.)


 In allegato testo integrale dell'Ordinanza n.143/2018

In Evidenza